cosa serve comunicazione visiva

Cos’è la comunicazione visiva e a cosa ti serve

Imparare a comunicare significa esprimere un certo messaggio in un determinato modo. Imparare a comunicare il proprio brand attraverso le immagini è ancora più difficile dell’utilizzo di “semplici” parole. Questa è la comunicazione visiva.

Il potere delle immagini è altissimo: attirano subito l’attenzione, sono immediatamente comprensibili e facilmente memorizzabili. Capisci anche tu che basta una sola immagine, quella giusta, per raggiungere nel più breve tempo possibile il massimo effetto comunicativo.

Tutto è cominciato con i graffiti rupestri degli uomini primitivi, ha attraversato secoli di arte ed è arrivato a Toulouse-Lautrec, che ha trasformato il suo lavoro da artista in pubblicitario, rendendo a sua volta la pubblicità una forma d’arte. Ora devi fare i conti con i social network e sai bene quanto sia difficile rappresentare per immagini il tuo messaggio.

Per “immagine” intendo un insieme organico composto da disegni o foto, colori, testi: la comunicazione visiva è così rappresentata non solo dalle fotografie che utilizzi per veicolare il tuo verbo, ma da tutte le composizioni grafiche che realizzi per il tuo business, a partire dal tuo logo, e cioè grafiche per i social post, template per le stories, i reels, banner per Pinterest, fotomontaggi e mockup, volantini, locandine, packaging dei tuoi prodotti, insegna del tuo negozio, ecc.

Saper valorizzare i propri punti di forza e comunicarli con un’immagine non è affatto semplice: è indispensabile un certo bagaglio culturale (la semantica, ovvero il significato dei segni, aiuta!), capacità di analisi, ricerca e sintesi grafica.

Ogni immagine che utilizzi per comunicare il tuo brand ti permette di farti conoscere, riconoscere e distinguere: è importante quindi saper scegliere l’immagine più idonea a rappresentare i tuoi valori ed i tuoi concetti. L’immagine giusta conferisce un grande valore al tuo brand, contribuendo ad aumentare il valore commerciale dei tuoi prodotti e servizi.

Va da sè che, per questo motivo, la selezione delle immagini che vuoi utilizzare per comunicare il tuo brand va effettuata con grande cura ed attenzione, puntando sul rispetto degli elementi che compongono la tua identità visiva (palette colori, font, ecc) ma anche adottando il tuo stile fotografico, il tuo tono di voce e tutte le caratteristiche che rispecchiano il tuo brand e che dovresti già aver individuato e fissato.

Entrando nel dettaglio, ecco alcuni elementi principali che caratterizzano la tua comunicazione visiva e su cui devi porre attenzione per renderla davvero efficace:

COLORI

Ogni colore ha un determinato significato (a seconda della cultura di riferimento) e ha effetti diretti sull’umore e sul comportamento, ma anche sulla percezione dei sapori e sull’appetibilità degli alimenti.

Scegliere la palette cromatica più adatta è un lavoro che va effettuato a monte del tuo business, in concomitanza della realizzazione del logo: selezionare un colore sbagliato, che non corrisponde esattamente a ciò che vuoi esprimere, ti fa correre il rischio di comunicare il tuo messaggio nel modo errato o addirittura di comunicare un altro messaggio.

CARATTERI TIPOGRAFICI

Anche la scelta dei font giusti dev’essere alla base della tua identità visiva, poichè anch’essi hanno un certo impatto sul modo in cui desideri comunicare il tuo brand. Scegliere il font giusto ti permette di trasmettere i tuoi valori nel modo più idoneo e di attrarre i clienti che desideri.

Esistono diverse famiglie di caratteri ed in base alle loro peculiarità è più semplice veicolare un certo tipo di messaggio: per esempio, se sei un’artigiana potresti prediligere un font calligrafico o fantasia; se sei un medico o un avvocato dovresti preferire un font più classico, con o senza grazie.

FORME

Imparare ad adottare le forme giuste è un altro punto importante per caratterizzare con successo la tua comunicazione.

Ogni forma ha un significato preciso: se desideri rassicurare il tuo pubblico ed esprimere accoglienza ed ottimismo, opterai per forme tonde e circolari; se, invece, vuoi offrire stabilità e sicurezza, meglio puntare su quadri e rettangoli. Il triangolo, invece, comunica dinamismo ma anche una sorta di grinta/aggressività che non si adatta a tutti i contesti.

ICONOGRAFIA

L’iconografia, cioè la descrizione delle immagini, ha un valore strategico: come gli ideogrammi, un simbolo vale più di mille parole e ha caratteristiche di semplicità ed immediatezza di comprensione.

Nella tua comunicazione visiva, quindi, farai riferimento a icone universalmente riconosciute (nel caso del logo di Chiaridee, la lampadina rappresenta l’idea) ma punterai alla loro personalizzazione, a partire dalla realizzazione del tuo logo.


Vi sono poi ulteriori elementi che caratterizzano la tua comunicazione visiva, ma di questi parleremo la prossima volta, approfondendo anche questi appena accennati. Intanto, se ti vuoi cimentare nell’analisi della tua comunicazione visiva, puoi farlo QUI. Se ti va, poi puoi scrivermi per condividere le tue osservazioni con me : )

Nella mia seconda newsletter di ogni mese ho creato un percorso pratico sulla comunicazione visiva: sei già iscritta alla mia mailing list? Puoi rimediare subito da QUI!

Share this post

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email