Ideanda 2021 intervista Gazzotti

Progetto Ideanda 2021: intervista a Silvia Gazzotti

Quando ho scelto Silvia per il team Ideanda 2021 sono rimasta colpita dalla pragmaticità della sua professione – psicologa del lavoro – perchè lei ha desiderato declinarla sull’empowerment di liberi professionisti e aziende.

Il lavoro di Silvia ha molte sfaccettature; considerando che Ideanda 2021 è dedicata alle donne che lavorano in proprio, qui posso dire che Silvia ti aiuta a capire “cosa fare da grande“ se vuoi lavorare in autonomia e ti aiuta a far emergere la tua forza, i tuoi talenti e le risorse che servono per il tuo viaggio imprenditoriale.

Sei psicologa del lavoro: una volta laureata sapevi esattamente la strada che avresti percorso oppure l’hai trovata grazie alla tua esperienza professionale?

Non avevo chiara la mia strada!

Finita l’università ero solo molto contenta di aver fatto quegli studi perchè era la strada giusta per me, ed ero convinta che avrei lavorato in azienda alla formazione e sviluppo delle risorse umane. 

Poi dopo alcune esperienze ho capito che il mio potenziale si sarebbe espresso meglio nell’orientamento e sviluppo del potenziale delle persone, e mi sono aggiornata e formata con una scuola di counseling triennale e due master in empowerment della persona. Fino a decidere di lasciare piano piano le collaborazioni aziendali per spostarmi verso i colloqui individuali nel mio studio e poi online.

Mi piace molto la definizione della tua attività come CambiaMentor®, racchiude tanti significati ma soprattutto la speranza di un futuro migliore. Puoi dirci di più?

Ho scelto questa definizione perchè spesso quella di psicologa del lavoro si porta dietro molti pregiudizi e incomprensioni. 

Lo psicologo viene visto ancora come una figura solo diagnostica e di cura, mentre ci sono tanti colleghi e psicologi del lavoro che si occupano di benessere, crescita, potenziamento della persona. Perciò ho deciso di affiancare questo termine che parla del cambiamento, che è la cosa di cui mi occupo: aiuto le persone a cambiare grazie all’ottimizzazione delle loro risorse, e a mettersi in azione. Per scegliere tra le loro possibilità ma anche iniziare ad esplorarle.

Quali aspetti devi considerare per cucire la tua consulenza su misura della cliente?

Faccio un colloquio conoscitivo iniziale per capire cosa sta cercando la persona e se e come posso aiutarla. Valuto soprattutto il punto in cui è con la sua attività (è dipendente ma non si sente di sfruttare al meglio le sue potenzialità, ha già avviato un business ma non ha ancora aperto p.iva, è avviato ma non riceve i clienti che vorrebbe, qualcosa non va nella sua comunicazione) e la chiarezza di obiettivi e vision professionale. Ha una idea chiara? E’ perso e confuso?

Da questo costruisco un percorso e un preventivo nel quale ipotizzo in quante sessioni posso aiutarlo a raggiungere la sua richiesta (se nelle mie competenze e non serve intervento di altri professionisti con cui collaboro). Ma tengo in considerazione anche gli ambiti in cui vuole lavorare, ciò che mi racconta di sé e dei tentativi che ha già fatto per il cambiamento che non riesce ancora a fare.

In che modo l’unicità di ogni cliente influenza o può influenzare il progetto che hai in serbo per lei?

Costruisco il progetto sempre sulla persona, non ho metodi pre-confezionati o sessioni ed esercizi standard. Ogni percorso è diverso, sia nel numero di sessioni che nello svolgimento. Direi che quindi l’unicità della persona influenza tutto il mio operato: sia perchè la seguo verso la direzione in cui vuole andare e non sono io ad indirizzarla, sia perchè costruisco le sperimentazioni per aiutarla a passare in azienda in base al suo modo di fare e cambiare.

Ci sono consigli universali che puoi offrire a tutte le donne che desiderano mettersi in proprio?

Direi che posso dire che sarà complesso lavorare sulla propria professionalità e farla valere, oltre che credere in sè stesse senza avere dubbi.

Ci saranno molti cambiamenti, alcuni voluti altri imposti dal mercato e dalle circostanze.

Ma sarà una grande avventura, perché il viaggio imprenditoriale è ricco di soddisfazioni e ci permette di cambiare il nostro mondo e quello altrui.

Quali strumenti utilizzi per organizzare il tuo lavoro? Cartacei o digitali? Hai un’agenda?

Utilizzo soprattutto strumenti online: tutta la suite di Google tra cui Google Calendar che è il mio grande amore per tutti i calendari colorati che posso personalizzare e condividere con collaboratori e membri della famiglia. Uso poi un gestionale per l’amministrazione e le fatture. Ammetto che ho sperimentato Trello ma non lo trovo comodo, preferisco ancora i file da stampare o incastri tra Excel e Word.

Gli appunti dei clienti li prendo ancora in cartaceo e ho agende e quaderni sparsi su cui annoto to do list e idee.

Come immagini la tua agenda ideale?

Utilizzando il calendario online, l’agenda non mi serve per gli appuntamenti: mi piace troppo spostarli all’occorrenza e non avere un peso da portare in borsa per poter fissare gli incontri e le sessioni. Per cui per me l’agenda è più uno spazio per la pianificazione mensile o settimanale, con spazi fluidi per appuntare note, idee, telefonate o to do list di ogni tipo.

Sei ufficialmente entrata a far parte del team dell’agenda Ideanda 2021 di Chiara: cosa ti ha convinto a partecipare al progetto?

Adorando tutto ciò che è pianificazione e organizzazione non potevo non partecipare a questa bellissima iniziativa! Se posso contribuire a creare uno spazio di lavoro utile per chi lo usa, bene venga! Sono sicura sarà un successo e non vedo l’ora di vederla realizzata!


Ringrazio di cuore Silvia per le sue preziose risposte!

Puoi conoscere meglio Silvia sul suo feed Instagram, sul suo canale Youtube o sul suo sito.

Il 20 ottobre Silvia sarà mia ospite in diretta su Instagram: abbiamo preparato anche un freebie molto utile per te!

Ti sei persa le altre interviste e le dirette per iol Progetto Ideanda 2021? Niente paura, le puoi recuperare qui:

Intervista a Elisa Lattuca, consulente d’immagine / Diretta con Elisa Lattuca, 23 giugno 2020

Intervista a Elisa Serrau, web designer / Diretta con Elisa Serrau, 7 luglio 2020 (c’è anche la seconda parte!)

Intervista a Federica Quaglia, copywriter / Diretta con Federica Quaglia, 21 luglio 2020

Intervista a Roberta Creazzo, social media coach / Diretta con Roberta Creazzo, 4 agosto 2020 (c’è anche la seconda parte!)

Intervista a Silvia Usai, consulente di marketing / Diretta con Silvia Usai, 8 settembre 2020

Intervista a Mara Magrini, assistente virtuale / Diretta con Mara Magrini, 22 settembre 2020

Intervista a Vera Prada, content strategist e brand storyteller / Diretta con Vera Prada, 6 ottobre 2020

Per rimanere aggiornata sul Progetto Ideanda 2021 iscriviti alla mia newsletter QUI!

Share this post

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email