Ideanda 2021 Brenci intervista

Progetto Ideanda 2021: intervista a Serena Brenci Pallotta

Oggi ti presento Serena Brenci Pallotta, la dodicesima professionista del Team Ideanda 2021, ma la prima che troverai all’interno dell’agenda, perchè il mese di gennaio è dedicato alla sua materia, il counseling!

Conosco Serena da anni, ormai: faceva anche lei parte della Rete al Femminile di Perugia, per noi creare connessioni tra donne che lavorano in proprio è la normalità! L’ammiro e stimo molto per la sua grande professionalità e serietà, e quando non lavora è anche simpaticissima!

Serena si presenta così: “Ciao! Da sempre sento coesistere in me una parte intuitiva e l’altra gestionale, per assecondarle entrambe ho trovato la mia quadratura del cerchio nel business counseling: aiuto i team organizzativi (formativi, associativi e aziendali) che desiderano migliorare comunicazione e produttività; fornisco strumenti pratici con l’integrazione di tecniche diverse per permettere ai liberi professionisti di conquistare e mantenere un’autoefficacia quotidiana!”

Hai una formazione ed un’esperienza professionale molto ricca e variegata: due lauree con lode (in economia e management aziendale), permanenza all’Università svedese di Kristianstad, master alla Business School de Il Sole 24 Ore, master presso Aspic e Sipea sul Counseling e il bilancio di competenze. Complimenti! Come sei riuscita ad unire ed integrare tutte le tue competenze nel tuo lavoro attuale di counselor?

Ho creato dei percorsi che attingono a strumenti provenienti dall’area economica, del personal branding e dello sviluppo personale.
Le commistioni fra questi ambiti mi permettono di avere una cassetta degli attrezzi variegata per rispondere ai bisogni e alle caratteristiche specifiche della persona che ho davanti. Il counselor ha bisogno dell’intuizione per sintonizzarsi empaticamente con l’altro, ma anche di metodo.

Da counselor professionista, come puoi aiutare le freelance e le libere professioniste con il loro business?

Mediante un percorso che si struttura in 14 video incontri nell’arco di 4 mesi, intervallati da esercizi da svolgere fra un incontro e l’altro e che di volta in volta rielaboriamo insieme. La tematica è “l’autodeterminazione modellata su di te” e il proposito è quello di ripartire dai ruoli e dai blocchi emotivi della protagonista, addentrandoci anche negli input forniti dal Viaggio dell’Eroe e dall’arco di trasformazione che vive il personaggio narrativo nella fase del cambiamento, per calare insieme la nuova progettualità e pianificazione nella vita che vorrebbe, iniziandola a compiere passo passo.

Quali aspetti devi considerare per cucire la tua consulenza su misura della cliente?

Innanzitutto la sua disposizione ad accettare e affrontare il cambiamento, perché l’intenzionalità agevola la flessibilità ad una nuova visione da costruire.
E poi il momento storico in cui la persona si trova rispetto al suo progetto imprenditoriale: se è ancora soltanto un’idea confusa, se ha appena aperto partita Iva, se si trova a un punto di stasi e vorrebbe rinnovarsi ma non sa come.
Col mio compagno, che è commercialista, abbiamo seguito alcuni percorsi in tandem, quando anche l’elemento di budgeting e analisi degli investimenti risultava cruciale.

In che modo l’unicità di ogni cliente influenza o può influenzare il progetto che hai in serbo per lei?

L’unicità della cliente è la base di partenza, perché la sua storia di vita e di business, le emozioni che influenzano le sue scelte e l’approccio che ha nel perseguirle sono elementi imprescindibili per direzionare insieme la costruzione del suo progetto-percorso: in questo senso è modellato sulla persona.

Ci sono consigli universali che puoi offrire a tutte le donne che lavorano in proprio?

Rimanere in contatto con la missione che le ha animate e tornare a chiedersi di tanto in tanto cosa le far star bene della loro scelta di lavoratrici autonome; mantenersi aperte al confronto; tenere conto dei piccoli step che servono per realizzare un progetto-sogno e chiedersi se sono disposte anche a quei passaggi di sacrificio, se e quanto si allineano al loro stile di vita: dico questo perché spesso abbiamo idee patinate dei sogni da realizzare e per capire se ci vogliamo credere davvero dobbiamo spezzettarli in tutto ciò di cui si compone il percorso per raggiungerli.

Quali strumenti utilizzi per organizzare il tuo lavoro? Cartacei o digitali? Hai un’agenda?

Utilizzo entrambi e suggerisco acune modalità anche nei percorsi alle mie clienti: Trello e Google Calendar per riposizionare e pianificare.
Prima ancora (e durante) fogli colorati e puntinati (bullet journal) per mappare le proprie idee, priorità e scadenze. Uso l’agenda cartacea e rappresenta per me il piano esecutivo settimanale, quello che imposto via via dopo aver mappato tramite bullet journal e aver posizionato tramite Trello e Calendar.

Come immagini la tua agenda ideale?

Che mi ispiri leggerezza e creatività e abbia al contempo spazi di visione mensile e settimanale per mappare e lo sviluppo della settimana ampio e fruibile a colpo d’occhio, così da avere ogni settimana “il polso emotivo” di com’è organizzata! ^_^

Sei ufficialmente entrata a far parte del team dell’agenda Ideanda Ventiventuno di Chiara: cosa ti ha convinto a partecipare al progetto?

In primis la conoscenza della professionalità, precisione e creatività di Chiara, che con capacità e metodo realizza i suoi propositi e si prende cura della rete.

In secondo luogo devo dire che in un paio di occasioni avevo pensato all’idea di lasciare dei miei tips all’interno di un’agenda, che potessero essere utili come quelli che spesso mi è capitato di trovare a me nelle agende che ho acquistato.

Era stato solo un pensiero fugace, ma quando Chiara mi ha proposto di partecipare al progetto Ideanda Ventiventuno ho ricontattato quel piccolo desiderio di cui forse mi ero un po’ dimenticata e le ho detto subito di sì con molto piacere!


“Attente ai desideri che esprimete perché prima o poi la vita arriva a chiedervi se li volete davvero!” : D In questo caso sì!!!


Condivido appieno questa frase sui desideri, grazie Serena per le tue belle parole!

Puoi conoscere meglio Serena sul suo feed Instagram e su Linkedin.

Il 9 dicembre sul mio feed IG ti aspetta il freebie che Serena ha creato per te e la diretta con lei alle ore 11.

Ti sei persa le altre interviste e le dirette per il Progetto Ideanda 2021? Niente paura, le puoi recuperare qui:

Intervista a Elisa Lattuca, consulente d’immagine / Diretta con Elisa Lattuca, 23 giugno 2020

Intervista a Elisa Serrau, web designer / Diretta con Elisa Serrau, 7 luglio 2020 (c’è anche la seconda parte!)

Intervista a Federica Quaglia, copywriter / Diretta con Federica Quaglia, 21 luglio 2020

Intervista a Roberta Creazzo, social media coach / Diretta con Roberta Creazzo, 4 agosto 2020 (c’è anche la seconda parte!)

Intervista a Silvia Usai, consulente di marketing / Diretta con Silvia Usai, 8 settembre 2020

Intervista a Mara Magrini, assistente virtuale / Diretta con Mara Magrini, 22 settembre 2020

Intervista a Vera Prada, content strategist e brand storyteller / Diretta con Vera Prada, 6 ottobre 2020

Intervista a Silvia Gazzotti, psicologa del lavoro / Diretta con Silvia Gazzotti, 20 ottobre 2020

Intervista a Lucrezia Senserini, fotografa

Intervista a Valentina Fiorenza, avvocato / Diretta con Valentina Fiorenza, 17 novembre 2020

Intervista a Silvia Lanfranchi, quiet coach / Diretta con Silvia Lanfranchi, 1 dicembre 2020

Prenota la tua copia di Ideanda 2021 QUI!

Share this post

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email